Parole chiave a 2 euro, 4 euro, 8 euro !

Quando Adwords ci richiede offerte cpc per le parole chiave a 2 euro, 4 euro oppure 8 euro si tratta di una penalizzazione per una campagna ottimizzata male !
Questo capita spesso quando si è alle prime armi oppure si fa una campagna su pagina dulicata, specialmente con programmi di affiliazione ! Adwords nel richiedere cpc alti per parola chiave non attiva per la ricerca, tiene conto di alcuni fattori decisivi per offrire agli utenti finali Google pubblicità di qualità, come:
– Coerenza fra le keywords (nello stesso gruppo di annunci non è bene mettere “ferro da stiro” e “lavatrice”)
– Coerenza fra le keywords e gli annunci testuali (se metto come parola chiave “termosifone” non venderò servizi web nell’annuncio testuale)
– Coerenza della pagina di destinazione* con le keywords (se uso come parole chiave “integratori” nel mio sito non posso parlare di mutui e prestiti)
– CTR della parola chiave, del gruppo di annunci e della campagna

Quando Adwords ci richiede CPC maggiori alla media, essendo un asta virtuale, senza un prezzo minimo assoluto (o quasi), significa che abbiamo sbagliato qualcosa nell’impostazione della campagna o nella pagina di destinazione ed è quindi buona norma ottimizzare i fattori che abbiamo visto precedentemente.

* Se hai modo di modificare l’html della pagina, aumenta la keyword density inserendo la keyword madre appena sotto il tab body e usala come anchor text nel link che autolinka la pagina che puoi mettere nel footer della pagina stessa 😉